Come rimettere in moto l’organismo dopo le vacanze

E DOPO LE VACANZE COME RIMETTERE IN MOTO L’ORGANISMO?

I consigli della nutrizionista
di Veronica Delli Rocioli

Agosto è passato e dopo esserci lasciati un po’ andare alla libertà di “sgarrare” ci chiediamo: come rimediare?!
La cosa fondamentale da tenere a mente è che non dobbiamo sentirci in colpa: l’organismo ha bisogno di momenti di relax in cui la mente possa trovare ristoro e ricaricarsi per i periodi di più intenso lavoro… conduciamo una vita spesso frenetica ed i conseguenti alti livelli degli ormoni dello stress possono causarci molti danni a lungo andare. Dunque ben vengano vacanze e divertimento!
L’importante sarà riequilibrare i ritmi destinando le ore giuste al riposo notturno onde evitare di sentire il peso della stanchezza quando rientreremo a lavoro.
Non dimentichiamo, infatti, che la mancanza di sonno è una delle cause più trascurate di sovrappeso ed obesità.

Per favorire il sonno cerchiamo di evitare di praticare sport la sera, non ceniamo troppo tardi e limitiamo l’uso di smartphone e pc… alla televisione preferiamo un buon libro!

Se sentiamo, però, di aver esagerato con i “vizi della tavola” e desideriamo rimetterci in equilibrio sia da un punto di vista ponderale che intestinale (a volte il cambiamento dei ritmi quotidiani influisce negativamente sul transito e sulla regolarità dell’alvo) possiamo pensare di dedicarci ad un periodo di alimentazione detox.

La durata di tale periodo dipenderà dalle necessità e saremo noi stessi a renderci conto di poter gradualmente tornare alle nostre abitudini, possibilmente sane, quando avremo raggiunto gli obiettivi.
La prima e indispensabile regola è eliminare tutti i prodotti industriali dalle bibite ai succhi di frutta, dai cibi preparati alle merendine; tra i loro ingredienti vi sono infatti zuccheri semplici, sale e additivi alimentari che se non riusciamo del tutto eliminare (poiché presenti in tutti gli alimenti confezionati), possiamo almeno ridurre!
Facciamo una ricca colazione con yogurt o latte e cereali o pane e marmellata magari con un frutto di stagione.
A pranzo e cena sfruttiamo il più possibile gli ortaggi e le verdure del nostro territorio così da accompagnare sempre le pietanze con un contorno di crudités.
In uno dei due pasti principali inseriamo carboidrati sotto forma di pasta o altri cereali (riso, orzo, farro, cous-cous, ecc.) con condimento di verdura e olio extravergine di oliva; nell’altro favoriamo la quota proteica mantenendo la frequenza settimanale di: due volte carne (una volta “bianca” ed una “rossa”), due/tre volte pesce o altri prodotti ittici, una/due volte uova ed una/due volte latticini freschi.
Preferiamo metodi di cottura semplici e veloci ed evitiamo troppi condimenti o salse; riduciamo il sale sostituendolo con odori e spezie.

Il pane possiamo consumarlo tostandolo in modo da renderlo più facilmente digeribile.
A metà mattina e metà pomeriggio sono fondamentali gli spuntini meglio se a base di frutta che ci aiutano ad arrivare ai pasti riducendo lo stimolo della fame.

Durante la giornata consumiamo, oltre a quella dei pasti, almeno due litri di acqua insaporendola con limone o preparando del thè da far raffreddare!

E…buon rientro dalle vacanze!!!

Comments are closed.